La nostra storia

L'ASD YAMATO DAMASHII nasce a Bergamo, fondata da Ennio Falsoni ed è stata una tra le prime società che ha portato il karate prima, e la kick boxing poi, nella città.
Ennio Falsoni, tra i primi e più promettenti allievi di Hiroshi Shirai, pioniere del karate in Italia, iniziò l'insegnamento del karate presso la palestra Alborgomma di Giovanni Alborghetti, a Bergamo: era il novembre del 1967. Falsoni ebbe un grosso successo, riuscendo subito a radunare una cinquantina di appassionati.

Nel 1968 il gruppo si trasferì nella palestra secondaria del centro sportivo Italcementi. Nel frattempo Falsoni, che era anche uno degli uomini di punta della nazionale italiana di karate, si recò negli USA e a Città del Messico per partecipare al primo mondiale di karate e al torneo preolimpico del Messico. Lo sostituì per quel breve periodo il suo maestro, Hiroshi Shirai, che portò nuovo entusiasmo tra i praticanti, arrivati ormai a sfiorare il centinaio.

Tra essi atleti del calibro di Flavio Galessi, Haig Eliazaran, Dario Gamba, Sergio e Franco Morstabilini, Nino Panizzoli, Alberto Vedovello, Beppe Pagani, Casimiro Rota, Gianni Vallan, Bruno Cividini, e gli amatori come Mario Bellani (che diventerà il presidente del sodalizio), Emilio Esposito, Gino Fratelli, Nino Menegatti, Angelo Daglio, Gualterio Tinti, Nicola Bucci, Roberto Busetti, Mario e Nedo Carminati, Dante Bolis: insomma un gran gruppo di amici che amavano il karate.
Grazie all'interessamento dei sopracitati e di Nello Sottocornola, aprì poi la palestra di via S'Orsola, che durò sino al 1981, anno in cui fu chiusa. Da quella sede sono usciti quasi tutti gli istruttori ancora oggi in attività nell'ambito del karate.

Sotto la ferrea guida di Falsoni, allenatore duro ma capace, la Yamato Damashii - così fu chiamata la palestra dopo che Falsoni tornò dal Messico - giunse rapidamente ai vertici delle classifiche nazionali: i suoi atleti primeggiarono su ogni tatami d'Italia e d'Europa.  Il successo crescente del karate, grazie anche all'ondata di nuovi fans nati sull'onda dei film made in Hong Kong, nel 1973 fece scricchiolare le piccole strutture della palestra di via S'Orsola, a tal punto che Falsoni fu costretto ad aprire una nuova sede Yamato Damashii in piazzale Marconi, sotto la stazione delle autolinee. Gli allievi di Falsoni avevano iniziato a diffondere il karate in tutta la provincia di Bergamo; le tre valli si riempirono in pochi anni di palestre, arrivando a contarne ben 20, per un totale di un paio di migliaia di praticanti.

E' di quegli anni la svolta che Falsoni diede alle sue attività. Appeso il kimono al chiodo, e divenuto dirigente di punta della Federazione Italiana Arti Marziali, scoprì ad un certo punto della sua carriera un modo nuovo di praticare il karate: il Full Contact Karate, organizzato, a partire dal 1977, in una sigla, la Wako, che operava internazionalmente. Falsoni, incuriosito da questo nuovo modo di intendere e praticare un'arte marziale, ne sposò la causa, a tal punto che ne è oggi il presidente mondiale, oltre che italiano. Questa sua scelta condizionò inevitabilmente molti suoi allievi, che lo seguirono in questa sua nuova esperienza. Da " full contact karate", la nuova disciplina cambia ben presto nome in Kickboxing. Tra i suoi allievi karateka passati alla kickboxing: Flavio Galessi, Federico Milani, Maurizio Facchinetti e Alessandro Ortelli per citarne alcuni.

Titoli europei e mondiali, numerosissimi eccellenti piazzamenti corredando la brillante carriera di quegli atleti che hanno ormai lasciato l'agonismo. Falsoni nel 1983 affidò la guida della Yamato Damashii di Bergamo a Federico Milani e Nino Panizzoli, che rimasero insieme fintanto che Panizzoli lascerà tutto a favore del primo: l'inesauribile fucina dello Yamato Damashii continuerà comunque a sfornare atleti di livello nazionale e internazionale corrispondendo appieno alle aspettative del fondatore Ennio Falsoni e del suo successore Federico Milani.

Nel corso degli anni sono stati molti i successi, molti i titoli vinti da parte dei tanti atleti che sono passati dalla Yamato Damashii.
Oggi l'A.S.D. Yamato Damashii Bergamo, affiliata alla FIKBMS (Federazione italiana kickboxing, Muay thai e Savate), è una grande realtà sul territorio bergamasco, e continua ad operare con passione l'insegnamento della kickboxing in tutte le sue specialità (point fight, light contact, kick light, full contact e low kick) e a sfornare campioni.